Diminuzione dellerezione correlata alletà


Le Nazioni Unite hanno sancito questo fenomeno definendo il come "l'anno dell'anziano". Lo stesso termine di "anziano" probabilmente è inadeguato per descrivere ampi gruppi di popolazione che includono soggetti con differenze di quaranta e più anni.

Il termine disfunzione erettile è più corretto del termine impotenza, proprio perché definisce più precisamente la natura di questa disfunzione sessuale. Una normale Erezione implica una corretta funzione integrata dei sistemi nervoso, circolatorio ed endocrino. I disturbi erettili sono molto diffusi, secondo alcune stime sono milioni gli uomini che ne sono colpiti nel mondo. Sebbene possa presentarsi a qualsiasi età, la disfunzione erettile è più frequente negli uomini di età superiore ai anni.

Attualmente in Italia il numero di over 65 è stimato essere di 14 milioni di soggetti. Gli studi prospettici indicano che le condizioni patologiche correlate all'età sono destinate ad un drammatico incremento nella prima metà del terzo millennio.

Contemporaneamente si verifica un declino della attività di molti sistemi ormonali come avviene, in particolare per l'uomo per i livelli plasmatici di testosterone. Con il termine andropausa non si indica un evento analogo alla brusca interruzione dei fenomeni riproduttivi quale ha luogo nel sesso femminile, ma un processo che si instaura più lentamente con declino e variazione dell'attività diminuzione dellerezione correlata alletà e sessuale ma anche di altri apparati, tanto che l'andropausa configura talvolta una "sindrome da interessamento multiorganico".

In termini clinici rispetto alla menopausa l'ipogonadismo tardivo presenta caratteristiche proprie, ovvero comporta una parziale e non totale deficienza di produzione di ormoni, insorge lentamente e gli effetti sugli individui sono molto variabili. Tuttavia, il calo del testosterone, al pari del calo degli estrogeni nella donna, comporta un aumento della massa grassa ed una riduzione di quella muscolare, una riduzione della densità minerale e diminuzione dellerezione correlata alletà scheletrico, con conseguente osteoporosi e osteopenia.

Per osteoporosi si intende una osteopatia, caratterizzata dalla diminuzione quantitativa della massa ossea per unità di volume.

È ancora dibattuto se l'andropausa sia una semplice espressione andrologica della senescenza o se rappresenti un'entità clinica ben precisa da diagnosticare con accuratezza e da trattare con farmaci idonei. Il problema si pone perché è oggi chiaramente dimostrato un parallelismo tra avanzare dell'età e declino delle funzioni ghiandolari con patologie associate. Modificazioni ormonali. Modificazioni della sfera genito-sessuale.

Secondo l'OMS si ha osteoporosi quando l'osso presenta una densità ossea inferiore di 2. L'osteoporosi maschile, come quella femminile, è classicamente divisa in primaria e secondaria. L'osteoporosi primaria è quella che riconosce cause ossee, all'eziopatogenesi della secondaria sottendono invece cause extra ossee; la primaria si distingue in tipo I e tipo II. Il tipo I, che corrisponde, come classificazione, alla post-menopausale del sesso femminile è sostenuto dal deficit degli androgeni ed insorge solitamente tra i 55 e i 75 quindi insorgenza simile nei due sessi dal punto di vista cronologico ; il tipo II senile è associato ai processi di invecchiamento e caratterizzato da una parziale resistenza renale all'azione del PTHcon conseguente ridotta sintesi di 1,25 Diminuzione dellerezione correlata alletà 2D e minore assorbimento intestinale di calcio, che insorge nel maschio dopo gli 80 anni.

L'osteoporosi secondaria è quella dovuta a cause non ossee e si manifesta in conseguenza di malattie endocrine, assunzione di farmaci o tossici, immobilizzazione, malnutrizione, malattie sistemiche come l'insufficienza renale. Nell'osteoporosi si verifica generalmente un difetto della differenzi azione osteoblastica tale per cui si ha un eccesso di osteoclasti rispetto agli osteoblasti. È stato dimostrato che la diminuzione dell'attività proliferativa osteoblastica potrebbe essere responsabile della ridotta formazione del tessuto osseo nell'uomo con osteoporosi.

Nel maschio adulto sembra essere conservato il numero e la funzione degli osteoclasti a corretta alimentazione per lerezione si associa un declino età-dipendente del numero e della funzione degli osteoblasti.

diminuzione dellerezione correlata alletà malattia del pene nascosta

La relazione tra testosterone endogeno e stato del tessuto osseo è ancora poco chiara. La carenza di androgeni probabilmente gioca un ruolo importante in molti casi di osteoporosi maschile. Gli androgeni agiscono direttamente sulle cellule osteoblastiche, sia stimolando la formazione di recettori specifici per il testosterone,sia promovendo la conversione di quest'ultimo in estrogeni tramite l'induzione del citocromo Come masturbarsi un pene con successiva produzione di aromatasi.

L'attività aromatasica è presente in vitro nelle culture di osteoblasti ed è dimostrata che è in grado di indurre la trasformazione del testosterone in estrogeni. L'importanza dell'aromatasi è sottolineata dagli insuccessi terapeutici della somministrazione di steroidi anabolizzanti non aromatizzabili, come il nandrolone, in uomini con osteoporosi e dalla descrizione di polimorfismi a carico del gene del citocromo P e del gene dell'aromatasi in pazienti con ridotta massa ossea.

Studi recenti dimostrano con chiare evidenze statistiche che l'omeostasi scheletrica è dipendente non tanto dal gene del recettore degli estrogeni,comunque espresso sull'osteoblasta, ma da quello dell'aromatasi. Gli androgeni stimolano, inoltre, la produzione di citochine e fattori di crescita. Fra questi il TGF-B, potente mitogeno per gli diminuzione dellerezione correlata alletà ed inibitore dell'attività e del reclutamento degli osteoclasti.

Infine il testosterone inibisce la produzione di IL-6, promotore della osteoclastogenesi Per la diagnosi e il monitoraggio di questa osteopatia abbiamo concentrato gli studi solo sull'utilizzo di alcune diminuzione dellerezione correlata alletà e marcatori biochimici. Assorbimetria o densitometria a raggi X a doppia energia: questa procedura si basa sull'impiego di un fascio di raggi X a doppia energia emessi da un tubo catodico. La macchina è predisposta per l'impiego di specifici algoritmi in grado di analizzare, per ciascuna linea di scansione, l'attenuazione della radiazione da parte del tessuto osseo rispetto a quello molle.

Le sedi elettive sono: - femore - radio La densitometria a raggi X a doppia energia è caratterizzata da un elevato grado di risoluzione,con notevole qualità delle immagini ottenute. L'esposizione a dosi di radiazioni ionizzanti è relativamente ridotta rem.

User Top Links

Ultrasonografia quantitativa QUS : le caratteristiche di dispersione trasmissione e le variazioni di velocità ultrasonografiche sono sempre più utilizzate per descrivere le proprietà dell'osso a livello del calcagno, delle falangi e della tibia. Nell'ultrasonografia il paziente non diminuzione dellerezione correlata alletà esposto a radiazioni ionizzanti.

È meno costosa della tecnologia radiografica e le apparecchiature possono essere trasportate. I parametri QUS sono influenzati, oltre che dalla densità, dalla struttura ossea e quindi, in relazione al rapido sviluppo tecnologico delle apparecchiature ultrasonografiche, è ipotizzabile la diagnosi dell'osteoporosi sulla base dei soli reperti della QUS, con possibilità di discriminare tra i difetti dell'architettura ed i deficit della densità ossea.

diminuzione dellerezione correlata alletà modi ed esercizio per lingrandimento del pene

Fosfatasi alcalina ossea v. Determinerebbe la lisi del pirofosfato, inibitore fisiologico dell'ossificazione. La mancata attività osteoblastica e la relativa diminuita concentrazione di fosfatasi alcalina, individua l'osteoporosi a basso turnover. N-telopeptide NTX v. Il collagene di tipo I possiede due siti che formano cross-link: uno nella regione amino-terminale l'altro nella regione carbossi-terminale della molecola.

Sono stati prodotti anticorpi contro entrambi questi telopeptidi e sono state approntate immuno-determinazioni. Come frammento di degradazione della matrice proteica viene liberato nei fluidi interstiziali dalla attività osteoclastica, di cui è un indice sensibile e specifico.

La marcata attività osteoclastica individua l'osteoporosi ad alto turnover. La fosfatasi alcalina ossea e il telopeptide N terminale possono essere utilizzati come parametri di monitoraggio della massa ossea.

Penalizzati durante l'invecchiamento anche l'apparato scheletrico diminuzione dellerezione correlata alletà muscolare. L'osteoporosi del maschio configura un quadro clinico emergente sia per la maggior accuratezza diagnostica che per l'aumento della vita media.

Studi epidemiologici segnalano che più di un terzo delle fratture di femore interessano il sesso maschile.

Andropausa: studio pilota epidemiologico di sensibilità sull'andropausa su 150 pazienti

Gli androgeni in concentrazioni fisiologiche stimolano tramite specifici recettori l'attività osteoblastica ed i processi di deposizione e neoformazione ossea; la diminuzione del testosterone incide rapidamente diminuzione dellerezione correlata alletà funzionalità scheletrica. Diminuita risulta anche la massa muscolare; il testosterone, infatti, aumenta la sintesi di proteine muscolari e l'induzione di specifici fattori di crescita. Spesso i Pazienti in andropausa esperimentano una diminuita forza muscolare in particolare a carico delle estremità superiori, dei muscoli interfalangei e metacarpali.

Da quanto detto si evince l'importanza di una "politica" di prevenzione che permetta, quando necessari, un rapido iter diagnostico e terapeutico. E' necessario tuttavia sottolineare che le modificazioni che si verificano con il passare degli anni, prima fra tutte, appunto, il calo del testosterone, pur riconoscendo momenti comuni a tutta la popolazione maschile, sono influenzate da aspetti genetici e socio-ambientali e quindi sono variabili da soggetto a diminuzione dellerezione correlata alletà.

La risposta sessuale presenta delle modificazioni con una dilatazione nel tempo ed un progressivo allungamento delle sue componenti eccitazione, plateau, orgasmo, risoluzione e periodo refrattario. Il rallentamento della risposta sessuale, nell'uomo, determina la necessità di un tempo maggiore per ottenere l'erezione con la possibilità di mantenere un plateau dell'erezione più prolungato.

Le cause della disfunzione erettile

La fase orgasmica è nella maggior parte dei casi invariata, mentre la fase di risoluzione si caratterizza per la rapidità della detumescenza dopo l'eiaculazione e per l'aumento del periodo refrattario. Oltre ai cambiamenti specifici della sfera sessuale si osservano: Ripresa più lenta e tardiva da eventi traumatici o malattie; minor resistenza all'attività fisica per diminuzione delle masse muscolari; dal punto di vista psichico si possono riscontrare più facilmente ansietà, depressione, sensazione di solitudine, di declino fisico, di mancata adeguatezza.

A livello del sistema nervoso centrale il decremento del testosterone diminuzione dellerezione correlata alletà diminuita attività delle aree connesse con la libido e la capacità erettiva. Sul piano diagnostico, tuttavia, sia i segni testicoli flaccidi e di dimensioni ridotte, perdita di massa muscolare, obesità diminuzione dellerezione correlata alletà che i diminuzione dellerezione correlata alletà stanchezza, depressione, irritabilità, disfunzione sessuale non sono sufficientemente specifici per diminuzione dellerezione correlata alletà diagnosi definitiva.

Materiali e metodi A fronte di un numero stimato di milioni di italiani over 65 i dati relativi alle vendite di trattamenti con androgeni risultano essere stazionari se non in calo nell'ultimo biennio con un numero di trattamenti anno stimato in Esiste quindi una frattura tra il dato atteso e quello "reale" dei soggetti in trattamento con testosterone.

Per determinare il livello di consapevolezza della popolazione generale sono stati reclutati mediante questionario soggetti maggiorenni ambosessi.

I questionari sono stati distribuiti tra i fruitori di servizi ospedalieri in 4 città italiane, distribuendo una versione semplificata dell'Aging Male Symptoms Scale AMS. I questionari sono stati distribuiti presso l'ufficio ticket da un solo intervistatore.

Le diagnostica della disfunzione erettile

La distribuzione presso l'ufficio ticket è finalizzata ad incontrare una popolazione non selezionata che possa essere il più possibile rappresentativa della popolazione generale, i pazienti, infatti, che afferiscono ad un centro di andrologia, urologia, endocrinologia od ortopedia possono essere "sensibilizzati" alle problematiche dell'invecchiamento maschile ed essere più informati. Sono state intervistati anche soggetti di sesso femminile per verificare se la campagna informativa sulla menopausa potesse avere determinato conoscenze relative alle medicazioni ormonali che avvengono nell'invecchiamento anche nel sesso maschile.

La distribuzione del questionario è stata condotta mediante un solo intervistatore da cosa versare un pene scopo di uniformare le spiegazioni ai pazienti standardizzando la diminuzione dellerezione correlata alletà delle risposte.

L'intervistatore ha svolto il ruolo di facilitare la compilazione del questionario accorciando nettamente i tempi necessari incrementando il numero di pazienti intervistati.

Il questionario AMS valuta la sfera psicologica, sessuale e somatica tenendo conto dei presupposti della programmazione neurolinguistica PNLgraduata secondo 5 livelli di consapevolezza del significato degli items.

Il questionario da noi utilizzato si è basato sull'utilizzo di un linguaggio più empatico e vicino al paziente, favorendo l'apertura di un dialogo e la conoscenza di quelle che sono appunto le aspettative dei pazienti nei confronti, in primis della figura dell'andrologo, ma non meno importante nei confronti della cura stessa.

Risulta molto più agevole la somministrazione di diminuzione dellerezione correlata alletà questionario breve e possibilmente a risposte chiuse multiple o su una scala di gradimento. Altro elemento diminuzione dellerezione correlata alletà è stato quello relativo l'utilizzo di un linguaggio molto semplice e il più possibile diretto.

Abbiamo quindi somministrato il questionario sotto forma di intervista strutturata, ovvero ponendo noi stessi le domande al paziente e bere pillole per lerezione le domande e la modalità di risposta.

Questa modalità è risultata utile anche per approfondire le tematiche legate al questionario, ma soprattutto per indagare dimensioni psicologiche sottostanti le risposte fornite.

diminuzione dellerezione correlata alletà lerezione scompare la ragione

Risultati Sono stati distribuiti questionari a Pisa e sono stati validati casi 88 maschi e 37 femmine. L'età media è risultata nella popolazione generale La scolarità prevalente è la media superiore nelle prime due fasce di età, la elementare nella terza fascia.

La maggiore consapevolezza si riscontra nella III fascia. Conclusioni La sensibilità alla andropausa è da migliorare.

Dalla parte di LUI - Dipartimenti del Benessere di Coppia

Poco diffusa è la completa conoscenza dei sintomi, con scarsa attenzione per quelli somatici in generalee per quelli sessuali nel gruppo delle donne. Menchini-Fabris e M. Porena: Trattato di Andrologia, Utet Editore, 2. Pulsed estrogen exposure selectively modulates tissue response: a hypothesis. Gynecol Endocrinol.

Arriva il sildenafil che si scioglie in bocca

The male climateric: Its symptomatology, diagnosis and treatment. JAMA ; Tenover JL. End Met Clin NorthAm ; 27 4 Veldius JD.

J Andr ; 20 1 The Aging Males' Symptos rating scale : cultural and linguistic validation into English. The aging male ; 9.